Home Cultura e Spettacoli Catanzaro, arricchito il patrimonio librario della biblioteca “De Nobili”

Catanzaro, arricchito il patrimonio librario della biblioteca “De Nobili”

by LaRedazione
volumi biblioteca de nobili

Due volumi dedicati alle figure dei collaboratori di giustizia arricchiranno il patrimonio librario della Biblioteca comunale “De Nobili”. A consegnarli all’assessore alla cultura Ivan Cardamone è stata la giurista Rita Tulelli, da sempre legata all’universo minorile, autrice del libro “L’invisibile mondo di Carlotta”, che approfondisce una figura chiave della lotta alle mafie attraverso gli occhi e il cuore di una giovane ragazza, figlia di un collaboratore di giustizia. L’autrice ha voluto destinare il ricavato della vendita della sua opera in beneficenza per le attività dell’Istituto Penale per i Minorenni “Silvio Paternostro”, della casa circondariale “Ugo Caridi” di Catanzaro e per i minori in difficoltà che quotidianamente affrontano problematiche sia fisiche che psicologiche.

All’assessore Cardamone è stata, inoltre, donata una copia del libro “Un mondo invisibile” scritto dall’avvocato Maria Claudia Conidi, difensore di testimoni e collaboratori di giustizia su tutto il territorio nazionale. I libri si pregiano rispettivamente delle prefazioni curate da Angela Napoli, già membro della Commissione Parlamentare Antimafia e presidente dell’associazione “Risveglio Ideale”, e dal magistrato Marisa Manzini, Procuratore aggiunto presso la Procura della Repubblica di Cosenza e consulente della Commissione parlamentare antimafia.

“I due testi – sottolinea Cardamone – rappresentano il frutto di un prezioso lavoro di studio e di riflessione critica attorno a figure spesso poco conosciute, come quelle dei collaboratori, uomini e donne che scelgono di chiedere aiuto alle istituzioni. Le loro testimonianze permettono alla giustizia di venire a conoscenza di persone, fatti e segreti del mondo criminale fornendo importanti elementi nei processi contro le mafie. Ringrazio Rita Tulelli e Maria Claudia Conidi per aver voluto donare alla Biblioteca comunale i libri che potranno essere liberamente consultati dagli utenti”.

Riceviamo e pubblichiamo 

Articoli correlati