Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Sabato, 22 Settembre 2018
itenfrdees

21 febbraio 2018 - Lamezia Terme, incontro dell’Uniter sulla morte di Pier Paolo Pasolini

Posted On Martedì, 20 Febbraio 2018 10:28
Simona Zecchi Simona Zecchi

Perché la mente più illuminante del XX secolo è stata tolta a questo Paese? Il pensiero di Pier Paolo Pasolini le sue opere la sua lucida coscienza intellettuale la sua capacità di collegare fatti lontani tra loro e restituire da essi un quadro chiaro ai suoi lettori e ai cittadini sono state per sempre spazzate via la notte fra il 1 e il 2 novembre del 1975 attraverso un atto barbaro e non solitario come si è voluto far credere per lunghi anni, ma anzi - come anche rivela un libro - perpetrato da più persone.

L’Uniter ha organizzato per mercoledì 21 febbraio 2018 alle ore 17, presso la Casa del Sacerdote in via Misiani a Lamezia Terme, un incontro con la giornalista e autrice Simona Zecchi. Il libro da lei firmato ed edito da Ponte alle Grazie nel 2015, a quasi 3 anni dalla pubblicazione, suscita ancora oggi dibattito in quanto è un’opera che, fuori dall’esercitarsi maldestramente nella ricostruzione dell’omicidio più efferato del 900, ha svelato elementi nuovi i quali aprono anche a nuove possibili piste sul massacro a Pasolini le cui cause e strette dinamiche restano irrisolte per la storia e la verità ufficiali.

Nonostante un processo e 5 indagini giudiziarie, l’ultima delle quali chiusa dopo ben cinque anni dall’inizio degli ultimi lavori della Procura di Roma.  L’inchiesta svela con sicurezza i volti delle persone che all’alba di quel 2 novembre parteciparono al “massacro tribale” del Poeta. Espressione questa usata dall’autrice e le cui diverse accezioni che la compongono sono ben sviscerate nell’opera.

Il libro è vincitore 2016 del Premio Giornalismo d’Inchiesta e informazione critica, dedicato al grande cronista giudiziario Marco Nozza scomparso nel 1999, che negli anni terribili dello stragismo e del piombo (contesto che lo stesso libro della Zecchi ricostruisce) ha svolto un lavoro pedissequo e approfondito di ricerca della verità, dietro e intorno ai fatti che si dipanavano in quel tempo e le cui conseguenze sono ancora vive oggi.

Breve Biografia dell’autrice:

Simona Zecchi vive e lavora fra Roma e Lione dove collabora con la redazione italiana dell’emittente europea Euronews. Durante gli anni 2014-2017 si è occupata del caso Moro e alcuni suoi lavori sono stati acquisiti dalla nuova Commissione Parlamentare d’Inchiesta sul caso istituita nel 2014. Ha scritto e collaborato per diversi quotidiani e siti nazionali e internazionali. E’ in uscita il suo secondo libro.

 

 

Share/Save/Bookmark
« September 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30