Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Sabato, 15 Dicembre 2018
itenfrdees

Giornata contro la violenza sulle donne, Caracciolo (FI): “La solitudine della donna è la sconfitta della società”

Posted On Domenica, 25 Novembre 2018 11:23
Mary Caracciolo con alcune amiche Mary Caracciolo con alcune amiche

"La giornata internazionale contro la violenza sulle donne rappresenta un momento di riflessione rispetto ad un dramma tutt'oggi attuale. I dati diffusi dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio mostrano che l'Italia e ancor più la nostra terra abbisogna di questi momenti di riflessione affinché si realizzi una vera e propria inversione di tendenza". Lo afferma in una nota Mary Caracciolo, Capogruppo di Forza Italia e consigliere comunale al Comune di Reggio Calabria.

"Le Istituzioni e la società civile - continua Caracciolo - tutta devono nella quotidianità dimostrarsi vicini alle donne vittime di violenza, nella consapevolezza che coloro che compiono vili atti non possono essere degni di essere definiti “uomini”. Una vicinanza alle donne che deve ricomprendere non solo il momento della “denuncia”, ma anche quello del reinserimento nella società, affinché la donna vittima di violenza possa riacquistare quella fiducia sia in se stessa sia negli altri necessaria per ritornare a vivere serenamente."

"Per tali ragioni sono sempre più necessari atti concreti e di vicinanza nei confronti di tutti quegli istituti che si prendono cura delle donne vittime di violenza ed offrono loro un percorso concreto di ripresa. E lo Stato, quindi, deve farsi trovare pronto rispetto a coloro che trovano la forza e rompono il silenzio che protegge solo ed esclusivamente la violenza, perché la solitudine della donna diventa la sconfitta dell'intera società".