Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Sabato, 15 Dicembre 2018
itenfrdees

Spezzano Sila: in piazza a Roma contro la violenza di genere

Posted On Sabato, 24 Novembre 2018 09:54

Oggi, sabato 24 novembre a Roma sarà presente la Presidente della commissione pro opportunità del comune di Spezzano Sila per ribadire un netto e deciso NO alla violenza nei confronti delle donne. La Consigliere Maria Cristina Guido risponde all’appello degli organizzatori della manifestazione “Non una di meno” in stato di agitazione permanente.

La manifestazione nazionale contro la violenza di genere e le politiche patriarcali e razziste del governo si terrà, proprio in concomitanza con le migliaia di iniziative organizzate in tutte le principali città italiane per la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, a Roma ed il corteo partirà da Piazza della Repubblica. “È doveroso manifestare contro il governo Salvini-Di Maio che da subito ha messo in campo misure e proposte che esprimono una visione patriarcale e autoritaria."

"Lo scorso 10 novembre ho partecipato, insieme alle donne del Centro anti violenza Lanzino ed a tante associazioni di Cosenza, alla mobilitazione nazionale contro il Ddl Pillon che mira a difendere la famiglia tradizionale e a ristabilire ruoli e gerarchie di genere che negano l’autodeterminazione delle donne. Intanto - continua la Guido - si smantella il welfare e spariscono dall’agenda politica temi a noi cari come la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro ed il contrasto alla violenza di genere anche attraverso l’intervento nelle scuole."

"Sono 65 le Donne morte di Femminicidio dall’inizio dell’anno ma questo tema rimane ancora marginale nel dibattito politico, coprendo l’immobilismo politico con la “caccia al migrante”. Per tutto questo manifestiamo e grideremo in piazza la nostra rabbia”.