Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Sabato, 15 Dicembre 2018
itenfrdees

Regione Calabria, riunione operativa in Cittadella per fare il punto sulla diga dell'Esaro

Posted On Venerdì, 16 Novembre 2018 09:32

Si è svolta negli uffici della presidenza regionale una riunione operativa per fare il punto sullo stato dell’arte per la realizzazione della Diga dell'Esaro, del livello di progettazioni delle opere: sbarramento, galleria di derivazione, centrale idroelettrica, impianto di potabilizzazione e collegamento con le principali reti acquedottistiche.

“Questa riunione - ha spiegato il Presidente Oliverio in premessa - è per dare continuità alla nostra idea di chiudere definitivamente la vicenda delle grandi incompiute. La diga dell’Esaro rientra a pieno titolo nella triste storia di questa regione di opere avviate, di soldi spesi e cantieri bloccati. Io, contrariamente al passato, come ho fatto con la diga del Menta e come stiamo facendo con quella del Metramo, non sono qui per continuare la telenovela degli interventi e delle sospensioni dei lavori, con oneri e aggravi aggiuntivi, che si sono ripercossi nel passato, ma per completare l’opera in modo da offrire finalmente alla Calabria, bacini, dighe per l’agricoltura, l’energia elettrica e, principalmente, per gli usi civili e potabili”.

All'incontro con il Presidente Mario Oliverio erano presenti il Direttore Generale del Dipartimento Presidenza Domenico Pallaria, la Sorical che è il soggetto attuatore dell’intervento, con il commissario Luigi Incarnato, il responsabile dell’Area Operativa Ingegnere Sergio De Marco, il responsabile del settore dighe Ingegnere Andrea Fiorino e il professore Giancarlo Principato, docente all’Unical di progettazione di dighe e sistemazione idraulico forestali. Presenti anche il Sindaco di Sant'Agata di Esaro, Luca Branda con l'assessore Emanuela Monita ed il Sindaco di Malvito, Pietro Amatuzzo.

È stato un confronto di merito sull'opera e sulle possibilità concrete di arrivare ad una soluzione del problema, partendo da una ricognizione dello stato dell’arte e dal verificare la situazione del cantiere. La Regione ha attivato 2 milioni di euro di finanziamenti previsti nel Patto per la Calabria per aggiornare il progetto e rimettere in moto l'opera, che rappresenta anche la soluzione definitiva per l’approvvigionamento dell’acquedotto dell’Abatemarco nei periodi di magra delle sorgenti, come quello attuale e per la Sibaritide e l’Alto Tirreno Cosentino nel periodo estivo a seguito delle maggiori presenze turistiche.