Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Sabato, 15 Dicembre 2018
itenfrdees

Il Governo Giallo - Verde, la questione meridionale e la Calabria

Posted On Mercoledì, 31 Ottobre 2018 08:42
Governo Conte Governo Conte

Le elezioni politiche del passato 4 marzo hanno indubbiamente segnato un nuovo corso nella politica italiana. Un risultato che è stato contraddistinto da un voto plebiscitario al movimento 5 Stelle nelle regioni del Sud ed un voto rilevante per la Lega nelle regioni del Nord. Dopo un tribolato avvio della nuova legislatura il 2 giugno è entrato nelle sue funzioni il Governo Giallo - Verde guidato dal Premier Conte e dai due vicepremier Salvini e Di Maio.

In tale contesto nel nuovo Governo è stato istituito il Ministero per il Sud affidato a Barbara Lezzi del Movimento 5 Stelle. Un chiaro segnale di attenzione per il mezzogiorno soprattutto da parte del Movimento 5 Stelle. Tante le attese da parte degli italiani e tante le attese soprattutto da parte dei meridionali che più di altri soffrono una crisi che dura senza soluzione di continuità da ben dieci anni.

Per il Movimento 5 Stelle il Reddito di cittadinanza può rappresentare un motore di risveglio dei consumi soprattutto al Sud dove si concentra una forte percentuali di disoccupati e di famiglie senza alcun reddito. Per i detrattori di tale iniziativa il reddito di cittadinanza, considerato puro assistenzialismo, non sarà in grado di smuovere nulla, essendo solo le attività produttive in grado di generare ricchezza. Probabilmente può essere considerata valida una via di mezzo. Aumentando i consumi si potrà generare anche un risveglio delle attività produttive. Ma un discorso a parte merita la Calabria, il Sud nel Sud, la regione che detiene i record negativi della maggiore disoccupazione, soprattutto giovanile e femminile, e detiene la maggiore percentuale di tasso di emigrazione verso l'estero o verso le regioni del nord che, accompagnato dal basso tasso di natalità, produce un processo di spopolamento e di invecchiamento che ha raggiunto dimensioni preoccupanti.

Quali azioni vuole promuovere il Governo Giallo - Verde verso la Calabria? Cosa propongono la folta pattuglia di parlamentari eletti in Calabria nel Movimento 5 Stelle, ben 18 parlamentari sui complessivi 30? In che cosa vorrà contraddistinguersi questo governo per dare risposte alla Regione che, più di altre, attende delle risposte concrete dopo essere stata vilipesa e truffata dai tanti governi che hanno sempre promesso mare e monti e che poi si sono sempre dimenticati dell'esistenza stessa dell Calabria? Sono trascorsi solo cinque mesi e non è ancora possibile dare delle risposte a tali domande.

Certamente le aspettative sono molte e sulla questione meridionale il Governo si gioca gran parte della sua credibilità, non dimenticando che il passaggio dalle speranze e dalle grandi attese alla delusione è molto breve ed anche molto veloce. Un Governo nato sulla speranza e sulla protesta e obbligato a passare in tempi brevi alle proposte e alle soluzioni. Vedremo nei prossimi mesi che cosa accadrà e quali effetti concreti si registreranno in merito alla manovra di governo, al reddito di cittadinanza, al decreto sicurezza e alla riforma pensionistica con la quota 100. Rimaniamo in attesa con tanta speranza che, come, sempre deve essere l'ultima a morire anche se vivendo di speranza si corre il rischio di morire disperati.


Gianfranco Bonofiglio