Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Lunedì, 10 Dicembre 2018
itenfrdees
« December 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Cellule staminali: in futuro potrebbero riparare i vasi sanguigni

Posted On Giovedì, 11 Ottobre 2018 13:17

Nuove cellule staminali si sono rivelate in grado di promuovere la formazione dei vasi sanguigni. Tali cellule staminali individuate negli embrioni di topo se dovessero scoprirsi anche nell’uomo, si aprirebbero delle prospettive molto interessanti per l’applicazione di questa scoperta nell’ambito della medicina rigenerativa. Queste cellule staminali potrebbero rivelarsi utili per il trattamento patologie cardiovascolari che comportano il danneggiamento dei vasi sanguigni, quali le malattie coronariche, arteriopatie periferiche o malattie dell’occhio che possono condurre a cecità.

Lo studio condotto dalla University College di Londra, annovera il biologo Alessandro Fantin, quale primo autore. Fantin dopo aver trascorso 11 anni presso l’università inglese è tornato in Italia per proseguire le sue ricerche all’Università Statale di Milano. Insomma un felice caso di ritorno di un “cervello in fuga“. Il nuovo studio pubblicato su Nature, aggiunge un tassello importante riguardo alla formazione dei vasi sanguigni. Finora si riteneva che i vasi sanguigni si formassero grazie alla presenza delle cellule già presenti nei vasi stessi. Questo studio ha dimostrato che le cellule staminali circolanti nel sangue possono anche trasformarsi in cellule endoteliali, che rivestono la superficie interna dei vasi sanguigni.

I ricercatori hanno utilizzato dei marcatori fluoriscenti per tracciare le cellule staminali chiamate progenitori eritro-mieloidi (Emp). Di queste cellule si sa che sono all’origine dei globuli rossi e di alcuni globuli bianchi. Tali staminali Emp coltivate in provetta hanno dato luogo non solo alla formazione di globuli rossi e globuli bianchi, ma anche di cellule endoteliali.