Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Lunedì, 10 Dicembre 2018
itenfrdees
« December 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

6 ottobre 2018 - Movimento NOI a M5S su Città Storica di Cosenza: No parole, fatti

Posted On Giovedì, 04 Ottobre 2018 21:46

"Apprendiamo, finalmente, che parlamentari ed europarlamentari pentastellati parleranno della Città Storica di Cosenza nell’appuntamento previsto per giorno 6 ottobre presso la Casa delle Culture. Era ora che qualcuno se ne occupasse oltre al "Movimento NOI - Città Storica di Cosenza" che, con la sua progettualità concreta e fattiva, ha generato l’unico progetto in grado di meritare dal MiBACT 90 milioni di Euro interamente dedicati alla rivalutazione della Città Storica completamente abbandonata dall’Amministrazione Occhiuto."

E' quanto scrive in una nota l'Ufficio Comunicazione Istituzionale del Movimento NOI - RETE UMANA. "Alle forze di Governo, però, chiediamo di evitare parole e visioni che non potranno mai realizzarsi e di volere prospettare, concretamente, quali sono i loro progetti già in cantiere che possiamo toccare con mano. Crediamo che una Deputata come Anna Laura Orrico e una Eurodeputata come Laura Ferrara, infatti, debbano farci toccare con mano le soluzioni, i progetti, le Leggi attivate, i provvedimenti in itinere, perché la Città ha bisogno di questo."

"Soprattutto, e ci rivolgiamo a tutte le forze di Governo deputate a curare gli interessi del Territorio, il "Movimento NOI - Città Storica di Cosenza", chiede quali provvedimenti saranno adottati per capire come, in maniera trasparente e contro ogni affare personale o lobbystico, i 90 milioni di Euro che dovessero giungere a Cosenza dovranno essere spesi, se al Sud non verrà negata anche questa opportunità per chissà quale motivo dopo averli conquistati e meritati.