Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Mercoledì, 26 Giugno 2019
itenfrdees

Raffaele Papa: "I soprusi dello stato e della pubblica amministrazione in tema di riscossione cattiva sono semplicemente aberranti"

Posted On Mercoledì, 10 Aprile 2019 09:30
Raffaele Papa Raffaele Papa

"I soprusi dello stato e della pubblica amministrazione in tema di riscossione cattiva sono semplicemente aberranti". E' quanto scrive Raffaele Papa in una lettera inviata al Presidente e ai Vice Presidenti del Consiglio dei Ministri, agli Ordini Professionali Legali ed Economici, ai Rappresentati di Imprenditori ed Aziende. "Complice la politica parlamentare degli ultimi anni, indifferente, abulica, incapace, a volte arruffona e spesso nelle mani di burocrati e faccendieri, che ha generato provvedimenti ed azioni che annullano e negano principi di libertà e difesa di imprese e cittadini."

"Siamo ad uno stato di polizia, nella forma e nella sostanza, ed un chiaro esempio, tra tanti, è dato dall’articolo 48-bis del D.P.R. n. 602/1973, più volte modificato ed integrato, da ultimo dall’articolo 1, comma 986, della legge 27 dicembre 2017, n. 205 e la cui azione vessatoria è ormai acclarata. In effetti le amministrazioni pubbliche prima di effettuare, a qualunque titolo, dei pagamenti, verificano, anche in via telematica, se il beneficiario è inadempiente e, in caso affermativo, non procedono al pagamento senza conoscere condizioni e situazioni che possono essere le più svariate."

"Da evidenziare, inoltre, l’atteggiamento forse remissivo di categorie ed ordini professionali legali ed economici che non hanno saputo o voluto opporsi nelle sedi opportune e competenti al fine di evitare uno scempio oltre che di natura giuridico - legale anche di drammatico impatto sociale e lavorativo. Quindi la nuova agenzia della riscossione, attraverso la pubblica amministrazione, ha il potere di bloccare qualsiasi pagamento, spesso senza o tardivi avvisi e diffide, ove opporsi è solo perdita di tempo e soldi."

"Di fronte a tutto ciò, anche gli ultimi provvedimenti che danno la possibilità di rottamare o in alcuni casi stralciare il debito derivante da cartelle esattoriali, pur se opportuni, non bastano per far fronte ad una mannaia continua costituita dal suddetto perverso articolo. Se non intervengono correttivi, difendersi da una procedura macchinosa e spesso diabolica è impossibile ed inutile con danno notevole ed esclusivamente a carico dei soggetti interessati che vengono privati di ogni forma di tutela e lo Stato o chi per lui non paga mai."

"Oltre ogni annuncio servono azioni concrete, i diversi casi fino ad ora verificatisi, richiedono attenzione e modifiche mirate, di norme vessatorie, per salvaguardare le tante situazioni di difficoltà generate da un sistema assai lontano dalle condizioni di reale difficoltà delle aziende a causa di una crisi economico-finanziaria che non cessa di produrre effetti negativi. - Conclude la lettera di Papa - Confido che le autorità in indirizzo assumano partecipata consapevolezza del fenomeno, auspicando positiva e fattiva collaborazione."

 

Search

« June 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30