Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Lunedì, 22 Aprile 2019
itenfrdees

Ennio Morrone abbandona Forza Italia e forse approda in Fratelli d'Italia con il gruppo di Raffaele Fitto

Posted On Martedì, 05 Febbraio 2019 09:13
Ennio Morrone Ennio Morrone

Ci si avvia alle elezioni regionali e si registrano i primi passaggi di posizionamenti ritenuti utili dal punto di vista elettorale. Il consigliere regionale Ennio Morrone, 73 anni, vanta una militanza politica pluridecennale. Basti accennare che nel lontanissimo 1987 era già vicesindaco di Cosenza per il vecchio Psi. In precedenza, giovanissimo, fu eletto Presidente della V Circoscrizione della città (quando allora esistevano le circoscrizioni) e assessore ai lavori pubblici, alle politiche sociali e alla cultura. Nel 2000 il grande salto alla Regione con i Democratici, poi rieletto nel 2005 con i Popolari - Udeur.

Nello stesso anno assessore regionale al personale e poi nel 2006 raggiunge l'apice della carriera politica con l'elezione in Parlamento con la lista dei Popolari - Udeur di Clemente Mastella. Nel 2010 si ricandida alla Regione e giunge primo dei non eletti con il Pdl. Entrerà nel 2012 al posto di Franco Morelli che perse il seggio per le condanne penali subite nell'ambito di una inchiesta condotta dalla Procura di Milano. Rieletto nel 2014. Ed ora il consigliere regionale Ennio Morrone ha deciso di abbandonare il gruppo di Forza Italia alla Regione ed iscriversi al Gruppo Misto.

"Ringrazio gli ex presidenti del gruppo - ha sostenuto l'On. Ennio Morrone - ovvero il collega Alessandro Nicolò per gli anni trascorsi e, per l’ultimo periodo, Mimmo Tallini e Claudio Parente con i quali ho instaurato un’amichevole e proficua collaborazione maturata durante la mia permanenza all’interno della formazione azzurra. Sebbene non iscritto formalmente a Forza Italia da più tempo ne condividevo comunque l’indirizzo politico: circostanza, questa, venuta a mancare non per accadimenti di carattere locale quanto per una mutata impostazione nazionale dello stesso."

"Ecco perché - conclude Ennio Morrone - non ho ritenuto più opportuno continuare ad operare in seno a tale compagine dove ho sempre lavorato nell’esclusivo interesse dei calabresi". I boatos della politica calabrese sostengono che Ennio Morrone, abbandonata Forza Italia in grave affanno ed in forte calo, sia in fase di arrivo verso il lido più rassicurante di Fratelli d'Italia attraverso l'adesione al gruppo di Raffaele Fitto "Direzione Italia" che insieme ad altre forze con Fratelli d'Italia si appresta a confezionare un "Movimento Sovranista" che potrebbe avere un buon futuro politico.

Alcune voci sostengono anche che tale progetto potrebbe comportare anche il ritorno verso Giorgia Meloni dell'ex Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, con il suo "Movimento nazionale per la Sovranità", finora vicino alla Lega di Salvini. Infatti in Lombardia bel sei coordinamenti provinciali del movimento di Alemanno hanno annunciato l'adesione a Fratelli d'Italia. Probabilmente tali riposizionamenti dell'On. Morrone sono dettati dalla strategia di individuare per il figlio Luca, consigliere comunale a Cosenza, le migliori condizioni possibili per tentare la scalata alla Regione.

In tal modo si potrebbe concretizzare il lascito della poltrona regionale da padre in figlio. Usanza tanto cara nella politica calabrese dove la famiglia è sempre al primo posto. Del resto gli esempi di continuità politica in Calabria fra padri e figli sono sempre stati una regola. Dalla dinastia Principe alla dinastia Mancini, al tentativo, fallito, di far eleggere alla Camera il figlio Andrea dell'ex sottosegretario Antonio Gentile. Da Trematerra Gino (padre) a Trematerra Michele (figlio) e tanti, tanti altri. Questa è la politica in Calabria e sempre così sarà.


Redazione

 

 

Search

« April 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30