Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Mercoledì, 17 Ottobre 2018
itenfrdees

29 settembre 2018 - T.I.C. (Talking Innovation Cosenza) al Castello Svevo di Cosenza. Si parlerà di innovazione tecnologica

Posted On Mercoledì, 26 Settembre 2018 21:50

A Cosenza si può e si deve parlare di innovazioni tecnologiche. È questo lo spirito che ha portato all’organizzazione di T.I.C. (Talking Innovation Cosenza). L’evento, promosso dalle associazioni “L’Eco Giovanidee” ed “Evolvere”, si terrà sabato 29 settembre, dalle ore 16:00, nella splendida cornice del Castello Svevo di Cosenza. Sarà “una giornata con e per le imprese per mettere in contatto le aziende presenti sul territorio con i giovani ansiosi di immettersi nel mondo del lavoro”.

Quindici, fino a ora, le realtà in partnership: “Molino Bruno”, “Dynematica”, “Keliweb”, “Drone Work Studio”, “360 Forma”, “Netcom”, “EWork”, “Proloco”, “Ntt Data”, “Health Center”, “Just Collection”, “Iveco”, “Caffè Aiello” e “Amarelli”. Principale sponsor della manifestazione, invece, sarà “Fineco”. Durante la giornata, saranno organizzati otto talks divisi in due sessioni, su quattro macrotemi: tradizione e innovazione: come sono cambiati i processi aziendali con l’avvento delle nuove tecnologie; l’importanza del team per raggiungere il successo; la start-up: un nuovo modo di fare impresa, tra limiti e potenzialità; le associazioni di categoria: cosa sono e che aiuto forniscono alle imprese.

TIC è un evento organizzato da due associazioni, L’Eco Giovani Idee e E-Volvere, che vogliono lavorare per l’innovazione e le politiche giovani nella città di Cosenza e in tutta la Calabria.

Associazione L'Eco Giovani Idee

L’Eco Giovanidee è la storia di sette ragazzi con un sogno: contribuire alla rinascita socio-culturale di Cosenza e di tutta la Calabria. Il nostro percorso comincia nel 2015, dopo settimane frenetiche trascorse tra entusiasmo e paura di non piacere. Alla presentazione del 19 dicembre, invece, veniamo premiati dall’abbraccio di amici e parenti, ma anche di curiosi e di giovani attratti dalle nostre idee, in un ambiente da noi sempre orgogliosamente definito “familiare”. Seguono mesi di analisi delle problematiche cittadine che hanno portato, il 13 maggio 2016, a “Calabria sì, Calabria no: perché andare, perché restare”, un momento convegnistico con focus sui vantaggi e gli svantaggi della nostra terra, non più bistrattata e criticata, ma ricca di grandi menti, di progetti e di tanta voglia di migliorarsi.

Non sono mancati eventi di puro intrattenimento casereccio e musicale, come “Made in Calabria: l’Eco della mia Terra”. Il 16 giugno 2017 abbiamo accolto i nostri ospiti a Palazzo Vigna (Aprigliano), per offrigli un “assaggio” dei prodotti gastronomici che hanno reso il “made in Calabria” un brand internazionale di rilievo. Sullo sfondo, le note di Ed Sheeran e di Adele e un’estrazione di premi per i presenti. Altra nostra grande passione è l’arte, in tutte le sue forme: amiamo trovarci tra pittori, scultori, fotografi e disegnatori, per capire le loro ispirazioni e per apprezzare le loro creazioni. Da questo bisogno di promuovere il bello, è nato un format vero e proprio: “Giovani in Mostra”. Durante la prima edizione, tenutasi il 25 marzo 2017 a Terrazza Pellegrini, ci hanno tenuto compagnia dieci giovani artisti cosentini. Un anno dopo, il 24 marzo 2018, sono stati in ventinove a rispondere alla nostra “chiamata alle armi” culturale, tanto da dover scegliere il Castello Svevo di Rende come nuova e più spaziosa location.

Infine, in questi anni abbiamo lavorato anche nel sociale, collaborando, per tutta l’annata 2016/2017, a “Fido t’affido”, iniziativa organizzata dal Comune di Cosenza per convincere tante famiglie volenterose ad adottare uno o più cuccioli di cane temporaneamente nel canile di Donnici. Non potete immaginare la nostra gioia nel vedere la felicità negli occhi dei neo-padroncini! Nel corso di questi due anni e mezzo, il nostro team ha visto arrivi e partenze, fino a essere così composto: presidente: Francesco Coscarella; vice-presidente, Mauro Tommasi; segretario e tesoriere, Kevin Esposito, responsabile delle comunicazioni, Michela Curcio; consigliere con delega alla cultura, Jonathan Adami; consigliere, Giorgia Orrico e consigliere, Andrea Amato.

Adesso, con lo stesso spirito e la stessa voglia di crescere, stiamo lavorando a T.I.C. (Talking Innovation Cosenza), per valorizzare le intuizioni e il lavoro certosino di aziende sul territorio diversificate per settori di competenza. Il caldo e gli intoppi logistici non ci fermano: il nostro impegno è troppo forte per poter essere minimamente intaccato. L’appuntamento è fissato per il 29 settembre 2018, al Castello Svevo di Cosenza. Non mancate!

Associazione E-Volvere

L’associazione Evolvere nasce con la finalità di approfondire temi politico culturali necessari a fornire le chiavi di lettura della complessa società contemporanea. Siamo convinti che le dinamiche, anche complesse, che viviamo oggi siano conseguenza di quello che eravamo: da qui l’idea di studiare e approfondire ogni aspetto che ci permetta di entrare in sintonia con l’oggi partendo dalla nostra tradizione storico culturale. I pilastri sui quali si fonda l’associazione sono quindi tradizione, politica e innovazione. Studiare quello che eravamo per comprendere meglio chi siamo. Il pensiero però non deve restare fine a se stesso, ma diventare azione concreta. Il mezzo che permette di trasformare il pensiero in azione è la politica, intesa come strumento di organizzazione e gestione della cosa pubblica.

L’associazione in questo contesto diventa un think tank, un serbatoio di pensiero che si occupa di analisi delle politiche pubbliche per svilupparne di proprie. L’associazione ha una forte vocazione territoriale: la tradizione che ci impegniamo a studiare, comprendere e salvaguardare è quella del territorio dove viviamo. Siamo convinti che le potenzialità territoriali siano inespresse: vanno però individuate quelle da sviluppare e incentivare partendo dal contesto attuale. Il contesto attuale, quello di una terra spesso considerata depressa e male organizzata, ci permette di riscrivere tutto, o quasi, da zero. Il fine ultimo dell’associazione è quindi quello di creare la sintassi e la grammatica di questo nuovo racconto, partendo da quello che eravamo per raccontare una storia nuova.

 

Sito Web: talkinginnovation.it

 

 

 

 

Share/Save/Bookmark