Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Lunedì, 19 Novembre 2018
itenfrdees

Politiche 2018, Il Governatore Mario Oliverio "Il Governo attento al Mezzogiorno", combinazione a pochi giorni dal voto

Posted On Mercoledì, 28 Febbraio 2018 08:48
Mario Oliverio Mario Oliverio

Continua imperterrita e senza sosta la campagna elettorale del Governatore Mario Oliverio a pochi giorni dal voto utilizzando il potere della Regione e sbandierando annunci e slogan che hanno oramai dell'incredibile sulla scia dell'annuncite tipica del segretario nazionale Matteo Renzi del quale lo stesso Oliverio è oramai l'epigono calabra, soprattutto nei metodi. A pochi giorni da voto il Governatore Oliverio è arrivato addirittura ad affermare che "l'attenzione del Governo sul Mezzogiorno si è riaccesa". Ma su questo a pochi giorni dal voto nessuno aveva alcun dubbio soprattutto dopo anni ed anni di abbandono e dopo tre anni di governo regionale assolutamente fallimentare.

E' ovvio che in questi giorni tutto si riaccende ovviamente solo per poter carpire voti e consensi ma i calabresi non sono stupidi e sanno bene che gli annunci non servono a niente perché a parlare sono i fatti, anzi la nullità dei fatti che sinora sono completamente mancati e lo dimostra il disastro economico e sociale di una Calabria abbandonata a se stessa e con i problemi che si aggravano giorno dopo giorno. E nell'occasione della presentazione dei candidati al Pala Cultura organizzata dalla Federazione Pd di Reggio Calabria.

Addirittura Mario Oliverio che aveva annunciato di volersi incatenare dinanzi Palazzo Chigi contro il Governo per la mancata cessazione del commissariamento della sanità calabrese, non solo non si è incatenato suscitando l'ilarità di tutti i calabresi, ma, oggi, con una giravolta da far impallidire il più incallito dei trasformisti, addirittura giunge a lodare il Governo, quello stesso Governo che gli suscitò l'impeto di annunciare l'incatenamento, per la sua attenzione verso il Mezzogiorno. "Cinque anni difficili che hanno determinato un’inversione di rotta, il Paese - ha candidamente affermato Mario Oliverio - è stato rimesso sul binario della ripresa e della crescita evitando il peggio.

Tutti gli indicatori economici attestano che l’Italia ha riconquistato una credibilità in Europa e nel mondo. Anche l’attenzione sul Mezzogiorno si è riaccesa, da quando sono presidente della Regione ho avuto modo di interloquire con il governo e di stare ai tavoli con i ministeri e di ricevere ascolto, disponibilità e risposte concrete". E' proprio vero che in campagna elettorale si cambia spesso opinione. Oggi il problema sanità ed il suo commissariamento per il Governatore Oliverio è un problema superato. Ora è il momento delle lodi al Governo e degli annunci per poter carpire qualche voto.

Affanno inutile. I calabresi sapranno apprezzare e giudicare lo sfacelo compiuto dal Governo Renzi per il Mezzogiorno ed il fallimento e la nullità degli anni di Oliverio a guida della Regione. Sapranno dare un giusto giudizio nella cabina elettorale. E negli scrutini del voto del 4 marzo uscirà il verdetto. Anche se, come tutti sanno, se dovesse essere punitivo per il Pd gli esponenti del renzismo calabrese ed in particolare il Governatore Oliverio si lanceranno in proclami di vittoria e di soddisfazione sulla scia di sempre. Quella che a urne chiuse a vincere sono sempre tutti, anche i perdenti.


Redazione

 

Share/Save/Bookmark
« November 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30